Medaglie incomparabili

Vent’anni di storia del Rossini Opera Festival

Lorenzo Arruga – Rizzoli, Milano 2001

 

“Sono successe tante cose, a Pesaro e a Rossini, e tante cose hanno legato il mondo a Pesaro e a Rossini, che sembra sian passate chissà quante generazioni. Eppure, quando si arriva la sera d’estate, si aspetta e si pretende col sentore del mare e con il suono della cadenza marchigiana temperata dal dolce retrogusto romagnolo, la vecchia quiete pigra e rilassata d’una città italiana di vacanze” (L. Arruga, p. 10).

Il viaggio a Pesaro

La stampa estera al Rossini Opera Festival

Simona Barabesi e Giacomo Mariotti – Rossini Opera Festival 2009

“Questa raccolta di un centinaio di articoli si propone di raccontare, attraverso la voce di giornalisti provenienti da tutto il mondo, una storia: la storia di un festival che nell’arco di soli trent’anni, grazie alla loro costante partecipazione e al loro contributo è diventato un appuntamento irrinunciabile per gli amanti del belcanto e un luogo internazionale per i melomani, che ogni anno affluiscono a Pesaro da ogni dove, superando, con la loro presenza, caso unico in Italia, quello del pubblico nazionale” (S. Barabesi, p. 14).

Il Rof nell'economia pesarese

Una valutazione per l’anno 2011

Giorgio Calcagnini e Francesca Maria Cesaroni – Università degli Studi di Urbino 2012

 

“L’indagine mostra come la manifestazione ha contribuito non solo al rafforzamento dell’identità cittadina ma alla sua immagine sul piano internazionale. Valorizzando nel contempo l’offerta turistica di Pesaro che grazie all’iniziativa dedicata a Rossini si è arricchita e diversificata. L’indagine si sofferma con dovizia di particolari non solo sui flussi del pubblico ma anche su dati che riguardano l’indotto, l’occupazione e tutto ciò che ruota attorno alla ‘macchina’ del Festival” (Magnifico Rettore prof. Stefano Pivato, p. 8).

 

Bilancio sociale

E’ uno strumento potenzialmente straordinario: rappresenta infatti la certificazione di un profilo etico, ovvero un momento per enfatizzare il proprio legame con il territorio ed un'occasione per affermare il concetto di impresa come "buon cittadino", cioè un soggetto economico che perseguendo il proprio interesse prevalente contribuisce a migliorare la qualità della vita dei membri della società in cui è inserito.

L'immagine di Pesaro e del Rof nella stampa nazionale e internazionale

Un'analisi della rassegna stampa raccolta nel corso del 2012

Lella Mazzoli e Stefania Antonioni - Università degli Studi di Urbino 2013

 

"Si potrebbe dire che metonimicamente Rossini sta a Pesaro e porta la città stessa a diventare la protagonista delle narrazioni mediatiche, del passaparola digitale, delle conversazioni prodotte su di esso. Conversazioni che hanno una portata 'persuasiva' maggiore, più incisiva perchè reputata più credibile, rispetto alla comunicazione di carattere apertamente promozionale" (L. Mazzoli, p. 8).

Accademia Rossiniana XXV

Una storia


"Un quarto di secolo è un lasso di tempo sufficiente per trarre il bilancio di un'esperienza come quella dell'Accademia Rossiniana, impostata sin dall'inizio su una prospettiva di lungo periodo. Nata in seno al Rof sulla base di precise esigenze teatrali e strategiche, è stata sempre diretta da Alberto Zedda, anche Direttore artistico della manifestazione. Nei suoi corsi ha formato un'intera generazione di nuovi talenti che a Pesaro hano rifinito il proprio bagaglio tecnico, musicale e culturale".