Il Sovrintendente Mariotti presenta il Rof 2016
16 dicembre 2015

Sarà l’attesissima nuova produzione de La donna del lago, affidata all’estro imprevedibile di Damiano Michieletto, a inaugurare la XXXVII edizione del Rossini Opera Festival. Sul podio Michele Mariotti, alla testa dei “suoi” complessi del Comunale di Bologna, guiderà un cast comprendente, secondo la consolidata tradizione del Festival, stelle del belcanto come Juan Diego Flórez e Michael Spyres accanto a nuovi affermati talenti come Marko Mimica e Varduhi Abrahamyan, ma soprattutto alla recentissima scoperta dell’Accademia Rossiniana, Salome Jicia, cui è stato affidato il title role dell’opera. Non è la prima volta che ciò accade a Pesaro: il privilegio del passaggio diretto dall’Accademia a un ruolo di protagonista è infatti già toccato in passato a Marianna Pizzolato, Olga Peretyatko, Marina Rebeka e Yijie Shi, con gli esiti che tutti conoscono.

Seconda nuova produzione in programma sarà Il Turco in Italia, un titolo che, come La donna del lago, compare per la terza volta nella storia della manifestazione. L’allestimento sarà curato da Davide Livermore, una presenza significativamente costante nei cartelloni del Festival, mentre sul podio salirà Speranza Scappucci, conduttrice emergente su cui si sono accesi i riflettori internazionali, alla guida della Filarmonica Gioachino Rossini. In una compagnia di canto di prima schiera spiccano i nomi di Erwin Schrott, per la prima volta al Rof, Olga Peretyatko, Nicola Alaimo e Pietro Spagnoli.

La terza proposta, la ripresa di Ciro in Babilonia  dopo il grande successo del 2012, vedrà il ritorno a Pesaro di Ewa Podleš, contralto carismatico attorno al quale lo stesso Livermore aveva di fatto costruito lo spettacolo. Affiancheranno la insostituibile protagonista due artisti degni di lei come Pretty Yende e Antonino Siragusa. Dirigerà Orchestra e Coro del Comunale di Bologna il lanciato Jader Bignamini, una delle più interessanti bacchette dell’ultima leva.

Dopo il tradizionale Viaggio a Reims, vetrina delle nuove rivelazioni dell’Accademia Rossiniana, amatissima dal pubblico (e dai professionisti del settore) completerà il cartellone un fitto programma di altre manifestazioni, come recital di belcanto e concerti orchestrali a tema, nelle quali si esibirà l’Orchestra Sinfonica G. Rossini che, assieme alla FGR-Orchestra, rappresenta felicemente le potenzialità musicali del territorio.

Concluderà la manifestazione un grande concerto per festeggiare il conferimento della cittadinanza onoraria a Juan Diego Flórez, a 20 anni dal primo spettacolo pesarese che lo lanciò nel panorama internazionale. Il grande tenore peruviano ripercorrerà vocalmente i momenti principali delle sue 16 partecipazioni al Festival (con 22 esibizioni complessive), affiancato da un gruppo eletto di colleghi. Dirigerà i complessi del Comunale di Bologna Christopher Franklin. Come consuetudine, il concerto finale verrà videotrasmesso in diretta in Piazza del Popolo.