Nuove sinergie tra ROF e territorio
24 marzo 2017

Nuove sinergie tra Rossini Opera Festival e territorio. La manifestazione pesarese, che si è data sin dall’inizio la missione di restituire a tutto il mondo il Rossini sconosciuto e dimenticato, ha sempre mantenuto viva l’attenzione verso le realtà musicali della Regione.
Difatti, il cartellone del ROF 2017 prevede la partecipazione di ben quattro compagini marchigiane: l’Orchestra Sinfonica G. Rossini, la Filarmonica Gioachino Rossini e il Coro del Teatro della Fortuna M. Agostini, a cui da quest’anno si aggiunge il Coro del Teatro Ventidio Basso.
La corale, che fa parte della Rete Lirica delle Marche, è diretta da Giovanni Farina ed affiancherà l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai in tre produzioni: Le siège de Corinthe, prima assoluta in edizione critica diretta da Roberto Abbado e messa in scena da La Fura dels Baus, che inaugurerà il Festival il 10 agosto; La pietra del paragone, riallestimento della produzione del ROF 2002 diretta da Daniele Rustioni e firmata da Pier Luigi Pizzi, in scena dall’11 agosto; lo Stabat Mater che chiuderà il Festival il 22 agosto, nuovamente con Daniele Rustioni sul podio.